Indagine Ipsos/StageUp: è il nuoto lo sport più praticato dagli italiani

Se nel 2016 il calcio rimane lo sport più seguito dagli italiani, è il nuoto invece a segnare il primato di quello più praticato. A rilevarlo è l’indagine “Le discipline sportive. Analisi dell’interesse e della pratica in Italia” condotta da Ipsos e StageUp che riguarda la popolazione italiana tra i 14 e i 64 anni (39,3 milioni di individui.

Nonostante un calo di 490.000 unità rispetto all’anno precedente, il calcio infatti rimane in testa anche nel 2016 per quanto riguarda l’interesse degli italiani (31.726.000 milioni di appassionati), seguito dall’automobilismo (Formula Uno in particolare), con 29.908.000 di interessati (+618.000 nel 2016) e dal motociclismo, a quota 28.887.000 (+778.000). Al nono posto la pallacanestro con 23.826.000 (+569.000).

Questa’anno però il calcio ha ceduto il passo al nuoto per quanto riguarda la pratica sportiva. Se i calciatori sono 3.952.000, coloro che si cimentano in vasca sono balzati a 4.169.000, fra agonisti e amatori, con una prevalenza delle donne (52%) e dei giovanissimi fra i 3 e i 10 anni (24%). Terzo, ma nettamente staccato, è il ciclismo, con 1.661.000 praticanti.

Molto diversi, invece, sono i desideri sportivi rispetto alla pratica effettiva: nell’immaginario degli italiani l’automobilismo (in particolare la Formula Uno) è la disciplina che più di ogni altra si vorrebbe praticare (5.756.800), seguita da tennis (5.379.200) e nuoto (5.119.600).

Il nuoto torna però ad occupare la prima posizione fra le discipline che i genitori vorrebbero far praticare ai figli: sono infatti 6.076.600 le mamme e i papà che preferiscono per i loro ragazzi la piscina, davanti al tennis (3.395.800) e alla pallavolo (3.018.200).

“L’analisi – spiega Federico Gaetano, presidente di StageUp – evidenzia una buona attenzione degli italiani non solo per il calcio, ma anche per quegli sport che vengono associati al concetto di benessere e salute”.

Redazione

Rispondi